Coordinatore
Partecipanti al progetto
Ente finanziatore
MiPAAF PQAI I - Ufficio Agricoltura Biologica
Data inizio
14/01/2020
Data fine
13/01/2023

Obiettivi generali:

Individuazione di pratiche agroecologiche compatibili con sistemi di allevamento e di gestione del bestiame adattate alle condizioni strutturali della collina interna italiana; Validazione a livello sperimentale di pratiche di gestione efficiente degli elementi nutritivi ai fini dell’ottimizzazione di sistemi multifunzionali basati sulla vite e l’olivo ad elevato grado di diversificazione e di sostenibilità ambientale; Valutazione degli impatti dei modelli sperimentalmente testati in termini socio-economici, di servizi eco-sistemici forniti, di qualità delle produzioni, di potenzialità per l'accesso al mercato e di redditività complessiva; Sviluppo e consolidamento di una rete di aziende, organizzazioni di rappresentanza e associazioni di settore per la divulgazione dei risultati della sperimentazione e la modellizzazione in ottica di co-innovazione di sistemi multifunzionali sostenibili

Breve descrizione del progetto:

Il focus del progetto è quello di definire pratiche agro-ecologiche per l’implementazione della sostenibilità in sistemi agro-zoo-forestali biologici e biodinamici basati sulla coltivazione di vite ed olivo. Oltre alle unità operative collaboreranno al progetto Paola Migliorini (Presidentessa di Agroecology Europe), Centro Assistenza Imprese Coldiretti Toscana (C.A.I.C.T), Demeter Associazione Italia (Demeter), due agronomi specializzati nel settore dell’agricoltura biologica e otto aziende biologiche e biodinamiche dell'Italia centrale e meridionale.

Risultati attesi (descrizione, divulgabilità, applicazioni):

I deliverable più rappresentativi che saranno prodotti nell’ambito del progetto sono: Rapporto di descrizione di sistemi allevamento mirati alla massimizzazione dell’efficienza di impiego di risorse alimentari, Rapporti di descrizione di pratiche agroecologiche di rotazione delle colture e lavorazione del suolo, di concimazione organica, uso di colture da sovescio e pacciamatura mirate alla ottimizzazione della gestione della fertilità, Rapporti dei risultati sperimentali sull’impatto di diversi sistemi di gestione sulla fertilità chimico-fisica microbiologica e biologica del suolo, Rapporto dei risultati di valutazione dell’impatto economico e sociale di sistemi alternativi di gestione dei sistemi agro-zoo-forestali, Progetti di sistemi ottimizzati agro-zoo-forestali per la collina interna appenninica

Trasferibilità e potenziali fruitori dei risultati:

La trasferibilità sarà garantita da schede e linee guida tecnico-divulgative, seminari, azioni dimostrative di “campo” con aziende operatori e associazioni e convegni. Si formerà una mailing list di imprenditori agricoli utile ad avviare la creazione di una comunità di pratica per lo scambio delle buone prassi in ambito biologico e biodinamico, supportata dall’attività di social-media managing prevista nel progetto da svolgersi sui siti biodinamica.org, apab.it, demeter.it, biodinamica.it.

Altre Note:

Le aziende coinvolte sono: Az. Agr. Agrituristica Bruscola S.S., Azienda agricola di Montepaldi Srl, Agricola Forte Soc. Sempl., Az. Agr. di Mascagni Bianca, Az. Agr. di Romualdi Tommaso, Cooperativa Vitulia Scarl, Az. Agr. Pasquale Amico, Az. Agr. Amico Bio soc. agr. Sempl..