Distretto del Cibo “Bio Slow Pane E Olio”: il primo biodistretto siciliano riconosciuto dal MASAF

Il Distretto del cibo “Bio slow Pane e olio” è il primo biodistretto siciliano riconosciuto dalla Regione Siciliana e dal Ministero dell’Agricoltura, della Sovranità Alimentare e delle Foreste. La decisione è arrivata dopo la richiesta presentata dall’assessorato siciliano dell’Agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea, riconoscendo al distretto “Bio Slow” l’impegno in un percorso che parte da lontano.

Bacche di Goji: in Sicilia un progetto per coltivarlo in biologico e creare un Marchio di Qualità

Il mercato delle bacche di Goji è in espansione, con un numero crescente di coltivatori, grazie al suo successo come alimento, con il riconoscimento delle sue proprietà salutistiche e nutraceutiche. Gli agricoltori, attraverso le associazioni di categoria, evidenziano come i problemi nella sua coltivazione siano legati all’esigenza di indicazioni chiare sui genotipi presenti a livello vivaistico, alla scarsa esperienza degli operatori e all’assenza di linee guida validate sul territorio per la corretta coltivazione.

Regione Sicilia: agricoltura biologica ed aree svantaggiate, pubblicati due bandi da oltre 239 milioni

L’assessorato all’Agricoltura della Regione Siciliana ha pubblicato due bandi da oltre 239 milioni di euro per la conversione delle produzioni agricole al biologico e per le aziende che operano nelle zone svantaggiate. Gli interventi sono relativi al piano strategico della Politica agricola comune (Pac) 2023-2027.

Regione Sicilia: Buone Condizioni Agronomiche e Ambientali (BCAA7) - Rotazione delle colture nei seminativi, ad eccezione delle colture sommerse

Con Decreto del Dirigente Generale n. 5716/2023  del 13/11/2023  è approvato, in applicazione del D.M. 9 marzo 2023, n. 147385, l’impegno di Buone Condizioni Agronomiche e Ambientali  BCAA7 - Rotazione delle colture nei seminativi, ad  eccezione delle colture sommerse con declinazione regionale come  descritto nell’allegato A.

DDG n. 5716/2023  del 13/11/2023

Palermo, 17 novembre: “I Distretti biologici siciliani a confronto - Il D.M. 28 dicembre 2022 n. 663273 un caposaldo normativo per il loro riconoscimento”

Si svolge a Palermo il 17 novembre, a partire dalle ore 9.00, presso l’Assessorato dell’agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea - Dipartimento Agricoltura, Viale della Regione Siciliana Nord Ovest 2771, un incontro che vuole fare il punto della situazione sui biodistretti siciliani già istituiti od in corso di istituzione, i cui tratti distintivi sono stati definiti con l’approvazione della L. 23/2022 e, successivamente, del D.M. 28 dicembre 2022 n.

Regione Sicilia: in pagamento 63 milioni della misura “Agricoltura biologica”

Sono  in pagamento in Sicilia 90 milioni di euro complessivi delle misure previste dal Piano di sviluppo rurale a sostegno degli agricoltori del biologico e delle aziende zootecniche, indennità compensativa alle attività agricole e zootecniche e sostegno per attività agroclimatiche.

Agea, che è l’organismo pagatore, a giorni effettuerà i pagamenti degli anticipi per l’85 per cento delle somme agli agricoltori e allevatori dell’Isola.

Regione Sicilia: PSR 2022 Misura 11 – Agricoltura biologica, bando pubblico attuativo

Con DDG n.1667 del 21/04/2022 la Regione Sicilia ha approvato il bando pubblico di attuazione per l’anno 2022 del PSR 2014/2022 Misura 11. La scadenza per la presentazione delle domande è il 16 maggio p.v.

E’ possibile trovare tutte le informazioni relative al bando ai seguenti allegati:

Avviso prot. n. 28115 del 21/04/2022

Regione Sicilia, biologico: deroghe per circostanze calamitose

Con D.D.G. n. 3924 del 22/10/2021 è stata disposta  l'autorizzazione, di cui all’art. 47 del Regolamento n. 889/2008 della Commissione del 5 settembre 2008 e al comma 8 dell'art. 6 del D.M. 6793 del 18/07/2018, per gli operatori biologici titolari di aziende agricole ricadenti in uno dei Comuni interessati dagli incendi verificatisi nei mesi di giugno, luglio ed agosto 2021 e dovuti all'eccezionale situazione meteoclimatica e riportati nell'elenco “allegato B” del decreto summenzionato, per l'acquisizione di capi di bestiame e foraggi/mangimi non biologici.