Data inizio
12 Gen 2023
News

Entrambi i report sulla logistica della carne bovina biologica e del pomodoro da industria biologico forniscono un aggiornamento riguardante le norme tecniche e standard internazionali volontari nella fase distributiva per incentivare i processi di costruzione ed assicurazione della qualità, concentrandosi maggiormente sull’impatto dell’innovazione tecnologica, della sostenibilità e tutto quello che concerne le norme di sicurezza.

Grazie all’indagine sulla logistica a valle della filiera della carne di bovino biologica, effettuata nel 2022, vengono analizzate le informazioni sui processi logistici in uso e le conseguenti problematiche di trasferimento del prodotto. Da tale analisi emerge come, innanzitutto, secondo le Catene intervistate, non vi sia differenza tra la gestione del prodotto biologico e quello convenzionale, inoltre risulta essere importante l’impegno nell’innovazione tecnologica e nell’ammodernamento delle strutture logistiche oltre che la completa informatizzazione nei controlli di qualità e tracciabilità dei prodotti consegnati.

Anche nei risultati emersi dall’indagine svolta sempre nel 2022 sulla logistica a valle della filiera biologica del pomodoro da industria, nonostante sia prodotto ad alta rotazione, diversamente dalla carne bovina biologica, si evince che non vi siano grandi criticità o differenze di costi nella gestione dei flussi di pomodoro da industria biologico rispetto a quello convenzionale e anche in questa filiera risulta esserci da parte degli operatori un importante impegno nell’innovazione delle strutture e dei mezzi di trasporto, oltre ad una tracciabilità informatizzata dei prodotti.

LA LOGISTICA INTEGRATA A VALLE NELLA FILIERA BIOLOGICA ITALIANA DELLA CARNE BOVINA

LA LOGISTICA INTEGRATA A VALLE NELLA FILIERA BIOLOGICA ITALIANA DEL POMODORO DA INDUSTRIA

Fonte: ISMEA