Riduzione di input di origine extra-aziendale per la DIfesa delle coltivazioni BIOlogiche mediante approccio agroecologico - DIBIO

Coordinatore: 
Istituto di ricerca: 
Ente finanziatore: 
Mipaaf PQAI 1 - Ufficio Agricoltura Biologica
Data inizio: 
24/01/2019
Data fine: 
24/01/2022

Obiettivi generali

  • Identificazione di composti naturali e microorganismi per la difesa ed il priming di colture biologiche mediterranee
  • Lotta ai principali patogeni trasmessi per seme in Triticum spp. e Oryza sativa: concianti e strategie di difesa per l’agricoltura biologica
  • Tecnologie bio-based a supporto della produzione e qualità di seme biologico di orticole
  • Cereali resistenti a malattie fungine trasmesse da seme per l'agricoltura biologica
  • Strategie alternative all’uso del rame in viticoltura in funzione dei cambiamenti climatici

Breve descrizione del progetto

DIBIO si articola nei cinque sub-progetti BIOPRIME, CERESBIO, CONCIABIO, CUPROSUP e INSOBTEC per lo sviluppo di strategie innovative per la difesa delle colture biologiche attraverso approcci genetici, agronomici, tecnologici e fisiologici.

Risultati attesi (descrizione, divulgabilità, applicazioni)

  • Metodologie e molecole utili per la concia delle sementi biologiche
  • Prodotti naturali per la difesa delle colture
  • Protocolli agronomici per il controllo di fitopatogeni e la produzione di seme biologico
  • Strategie di difesa alternative e/o complementari all’impiego di prodotti rameici in vite
  • Varietà di cereali resistenti a malattie trasmesse da seme

Trasferibilità e potenziali fruitori dei risultati

Trasferibilità favorita da collaborazioni già in atto e future con soggetti pubblici e privati. I risultati del progetto verranno divulgati su stampa scientifica e tecnica. Potenziali fruitori sono agricoltori e viticoltori, ditte sementiere e vivaistiche impegnati nelle produzioni biologiche.