frutticoltura

Novità per la frutticoltura bio al Centro di sperimentazione Laimburg

Come è ormai tradizione, ogni anno in agosto gli esperti del Centro di sperimentazione Laimburg e della Fondazione Edmund Mach presentano in Alto Adige e in Trentino i risultati delle sperimentazioni condotte rispettivamente nei settori della frutticoltura e viticoltura biologica. Le prove nel settore della frutticoltura biologica sono state il tema dell'appuntamento al Centro Laimburg a Vadena.

Italiano

Frutticoltura biologica: un’opportunità ma...non solo!

E' in calendario per il 7 marzo 2017, a cominciare dalle 8:45, un convegno sulla frutticoltura biologica presso Agrion.

Il programma

Via Falicetto 24, Manta -CN

 

 

Italiano

Presentazione prove sperimentali viticoltura e frutticoltura biologica

Il giorno 11 agosto si svolgerà presso la Fondazione Edmund Mach e il Centro di Sperimentazione Laimburg la presentazione delle prove sperimentali effettuate per la viticoltura e la frutticoltura.

Il programma

Giovedì, 11 Agosto 2016 ore 09:00

Aula Magna Fondazione Edmund Mach, San Michele all'Adige (TN) e Aula Magna centro di Sperimentazione Laimburg, Vadena (BZ)

Italiano

Incontro "La ricerca partecipativa in agricoltura biologica"

Il 10 giugno alle ore 9.30, presso l'azienda sperimentale Palazzelli di Lentini (SR), si terrà un incontro su "La ricerca partecipativa in agricoltura biologica". L’incontro, in campo, permetterà di condividere esperienze e conoscenze tra frutticoltori, tecnici e ricercatori in frutticoltura biologica, con particolare attenzione all’agrumicoltura (scelta varietale, gestione della fertilità, difesa, aspetti qualitativi e di mercato).

Italiano

Frutticoltura biologica in Piemonte

La produzione biologica è in piena crescita. In Piemonte i numeri mostrano un'impennata: decine di aziende di tutte le dimensioni sono coinvolte nel percorso di conversione al metodo biologico. Melo e pero sono le specie più coinvolte, con rispettivamente 680 e 389 ettari, già ben oltre il 10% della superficie regionale. La scelta è dettata dall'attenzione all'ambiente e al consumatore, ma anche dalle opportunità di un mercato che riesce a remunerare l'impegno dei produttori.

Italiano

Corso di Agricoltura biologica a Paesana (CN)

Presso la sala comunale del Municipio di Paesana si svolgerà  il corso di Orticoltura e Frutticoltura biologica tutti i giovedì sera, per 5 incontri, a partire da giovedì 20 novembre 2014, fino al 18 dicembre 2014.

Si parlerà  di vecchie varietà  e varietà resistenti, di tecniche di potatura e innesto, delle tecniche e dei prodotti per la difesa da insetti e malattie dannose. Docenti dr. Mauro Allio e dr.ssa Cristina Marello

Programma

Italiano

“Frutticoltura integrata e frutticoltura biologica per un’agricoltura che cambia”

Si svolgerà venerdì 14 novembre presso l'Abbazia Santa Maria (Via Saluzzo Cavour), il convegno organizzato dal Centro di Consulenza Frutticola e Coldiretti Torino. Tra i Relatori: Sergio Bunino Tecnico Frutticolo, Nicoletta Alliani I.P.L.A. Piemonte, Michele Mellani Direttore Coldiretti Torino, Moderatore Giulio Re Scuola Malva Arnaldi di Bibiana

La locandina

l'Abbazia Santa Maria (Via Saluzzo Cavour) (TO)

Dalle ore 17.00 alle ore 20.00:

 

Italiano

Seminario - PRODURRE BIODIVERSITÀ CON L’AGRICOLTURA BIOLOGICA. Frutticoltura, viticoltura e cereali antichi

In agricoltura biologica è importante affiancare alle tecniche di coltivazione consentite dalla normativa europea anche la giusta scelta varietale. È opportuno, infatti, che le piante presentino caratteristiche di rusticità e poca sensibilità – o resistenza – alle principali fiotopatie a cui possono essere soggette. Lo studio sulle varietà attualmente in commercio di Melo, Pesco, Fragola e Vite condotto in questi anni da A.Ve.Pro.Bi. e dall’Istituto di Frutticoltura di Verona, in collaborazione con Veneto Agricoltura, ha definito gli elenchi varietali adatti per ciascuna specie.

Italiano

Incontro tecnico “Frutticoltura biologica: recenti acquisizioni sulla difesa e sulle pratiche colturali”.

La frutticoltura biologica in Piemonte è diffusa su 650 ettari , il 4-5% della superficie a frutta fresca. Melo, pero, actindia, ma anche pesco e frutti di bosco. Frutticoltura biologica e integrata condividono gran parte degli obiettivi che stanno a cuore al consumatore, ma anche all’agricoltore e all’opinione pubblica: sicurezza alimentare e sostenibilità ambientale. Il biologico, supportato da una normativa chiara ed identificabile, gode di un consolidato appeal tra i consumatori. L’applicazione del metodo biologico in frutticoltura è più impegnativa rispetto ad altri settori.

Italiano

Pagine

Abbonamento a frutticoltura