UE: pubblicati i dati sull'impatto della Pac sulle aree rurali. Povertà al 24% e biologico al 7% (EN)

07/08/2019
News

L’Unione europea ha appena pubblicato i dati sull‘impatto della Pac sulle aree rurali, un contributo alla valutazione delle prestazioni della PAC finalizzati anche alla nuova formulazione della politica agricola comune.

I dati mostrano che tra il 2016 e il 2017 i tassi di povertà nelle aree rurali hanno continuato a diminuire, raggiungendo nel 2017 il 24%. Nello stesso periodo, la percentuale di aree di agricoltura biologica nell'UE è salita al 7%. Questi sono tra i principali risultati dell'ultimo aggiornamento degli indicatori della politica agricola comune (PAC), che contribuiscono alla valutazione delle prestazioni della PAC:

Facendo uso di 178 indicatori e oltre 900 sottoindici, questo quadro è stato progettato per valutare l'efficacia della PAC verso i suoi tre obiettivi primari di produzione alimentare sostenibile, gestione sostenibile delle risorse naturali e azione per il clima e sviluppo territoriale equilibrato.

Per quanto riguarda le aree rurali, gli ultimi dati mostrano che i tassi di povertà sono diminuiti del 2% tra il 2016 e il 2017 (dal 26% al 24%). Parallelamente, il tasso di occupazione nelle aree rurali è aumentato del 2% nello stesso periodo, dal 66% al 68%.

Anche l’agricoltura biologica ha ruolo rilevante in questo contesto, evidenziando una quota di superficie dedicata all'agricoltura biologica in continua crescita nell'UE. Infatti, nel 2016 rappresentava il 6,7% della superficie agricola totale, l'equivalente di 11,9 milioni di ettari. Nel 2017 ha raggiunto il 7% della superficie agricola totale, che rappresenta 12,6 milioni di ettari di superficie agricola.

 

CAP Indicators: data 2017

 

Fonte: UE

 

Regioni: