Presentazione progetto “Il giardino delle Esperidi. Salvaguardia della Biodiversità erbacea e frutticola dal Pollino all’Aspromonte”

20/10/2014
Agenda

Lunedì 20 Ottobre 2014 alle ore 9:00 presso l’Aula Seminari del Dipartimento di Agraria dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria verrà presentato il progetto “Il giardino delle Esperidi. Salvaguardia della Biodiversità erbacea e frutticola dal Pollino all’Aspromonte” promosso da AIAB Calabria (Associazione Italiana per l’Agricoltura Biologica della Calabria), con ARSAC (Azienda Regionale per lo Sviluppo dell’Agricoltura Calabrese), il Dipartimento di Agraria dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria e FIRAB (Fondazione Italiana per la Ricerca in Agricoltura Biologica e Biodinamica) nell’ambito della Misura 214 az. 6 del Programma di Sviluppo Rurale della Regione Calabria.
Il progetto mira a tutelare e recuperare le varietà arboree ed erbacee un tempo diffuse sui principali rilievi montuosi calabresi, dove oggi insistono i Parchi Nazionali e Regionale della Regione Calabria.
Grazie al Giardino delle Esperidi si potranno realizzare azioni di conservazione e riproduzione di varietà autoctone frutticole e erbacee presenti negli altopiani calabresi con metodi di coltivazione biologica, strategie in situ, ex situ, e on farm. Inoltre sarà possibile collezionare e catalogare i germoplasma, coinvolgendo aziende agricole del territorio e realizzando diffusione dei risultati anche attraverso la costituzione e l'implementazione e di una rete informativa sulle varietà a rischio di erosione genetica e sui saperi tradizionali ad esse collegate. Ma anche ottenere produzioni di qualità, nel rispetto della salvaguardia ambientale, tipica di un'attività agricola sostenibile che, individua nel metodo di coltivazione biologica sia gli elementi necessari al raggiungimento degli obbiettivi primari del progetto sia il valore di multifunzionalità del prodotto stesso.

Il programma

Aula Seminari del Dipartimento di Agraria dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria

Produzioni: