Nuova ricerca: l'agricoltura biologica può aiutare a ridurre l'inquinamento da azoto (EN)

14/03/2018
News

Un’importante nuova ricerca dell'Università della Virginia, realizzata  in collaborazione con lo statunitense “Organic Center”, mostra che l'agricoltura biologica può aiutare a ridurre l'inquinamento da azoto su scala globale. Sulla scia dello studio pionieristico effettuato dall’Organic Center nel 2017 (scaricabile QUI), che mostra come i terreni biologici contribuiscano a ridurre il cambiamento climatico, quest'ultimo studio offre una prova ancora più solida che il cibo e l'agricoltura biologica contribuiscano a creare un ambiente più pulito.

Cambiamento climatico. Smog. Piogge acide. Zone morte. Buco dell'ozono. Si tratta di problemi reali che interessano il pianeta, e l'inquinamento da azoto svolge un ruolo chiave in ciascuno di essi. Le piante hanno bisogno di azoto per crescere, l’azoto è essenziale per la vita sulla terra ed è presente in tutti i sistemi viventi. Ma la sua eccessiva presenza può causare gravi  problemi ambientali.

"L'agricoltura aggiunge una grande quantità di azoto nell'ambiente durante il processo di produzione alimentare", ha affermato Jessica Shade, direttore dei programmi scientifici per l’Organic Center. "Questa ricerca dimostra che molte pratiche agricole comuni, come il compostaggio e l'uso della fertilizzazione del letame al posto dei fertilizzanti sintetici, possono riciclare l'azoto reattivo già nel sistema globale piuttosto che introdurre nuovo azoto reattivo nell'ambiente. L'agricoltura biologica ha quindi un impatto ambientale molto minore su scala globale ".

Lo studio ha rilevato che mentre le aziende biologiche e convenzionali hanno perdite di azoto comparabili per i sistemi colturali, l'agricoltura biologica aiuta a prevenire l'inquinamento da azoto riciclando tre volte più azoto reattivo rispetto a quella convenzionale.

Lo studio ha anche scoperto che quasi tutto l'azoto utilizzato per produrre il cibo in una dieta alimentare convenzionale - 93% - era azoto reattivo di nuova creazione. In confronto, per una dieta media di alimenti biologici, solo il 33% dell'azoto utilizzato per produrre il cibo era nuovo azoto reattivo. Il resto dell'azoto utilizzato per la crescita delle piante nella produzione biologica era già esistente e veniva riciclato.

Il biologico massimizza i benefici dell'azoto e limita il danno

L'azoto in qualche forma è richiesto per la vita. La maggior parte dell'azoto si trova nell'aria e non può essere utilizzata da piante o altri esseri viventi e non contribuisce all'inquinamento dell'aria o dell'acqua. Ma quando quell'azoto viene utilizzato attraverso un processo chimico, diventa reattivo. L'azoto reattivo è utilizzato per la crescita di piante e animali, ma può anche causare una serie di problemi ambientali. Sempre più l'azoto benefico esistente sul pianeta si sta trasformando nella forma reattiva, principalmente attraverso la produzione di fertilizzanti sintetici.

L'agricoltura utilizza un'enorme quantità di azoto reattivo per le sue colture e gran parte di quell'azoto si perde nell'ambiente durante il processo di produzione alimentare. Muovendosi attraverso l’ambiente, l'azoto reattivo crea una serie di impatti ambientali dannosi. Il suo eccesso contribuisce in primo luogo al cambiamento climatico. Il fertilizzante può essere convertito in ossido di azoto, un gas a effetto serra 300 volte più potente della CO2. L'ossido di azoto può entrare nella stratosfera e consumare l'ozono, contribuendo alla sua riduzione. L'azoto reattivo forma lo smog e contribuisce alla pioggia acida quando si converte in acido nitrico. La lisciviazione dell’azoto entra nei laghi, provocando la proliferazione di alghe tossiche, e inquina gli oceani, portando alla perdita di ossigeno e uccidendo tutto in aree molto vaste chiamate "zone morte". Nel 2017, la zona morta nel Golfo del Messico era delle dimensioni del New Jersey, la più grande mai vista.

La sfida dell'azoto consiste allora nel massimizzare i benefici dell'azoto reattivo, riducendo al minimo gli impatti negativi sull'ambiente e sulla salute umana.

Il biologico non usa fertilizzanti sintetici. Tutto l'azoto utilizzato nelle aziende biologiche proviene da fonti riciclate come compost / letame, e una piccola quantità di nuovo azoto reattivo può derivare dai batteri che fissano l'azoto nelle radici delle colture di copertura o di altri legumi. Quelle stesse fonti servono anche a creare un suolo complesso e ricco in grado di trattenere l'azoto più a lungo, piuttosto che farlo defluire via dal campo.

La ricerca è uno dei primi studi volti a quantificare su scala globale quanto le pratiche agricole  biologiche contribuiscano all'inquinamento da azoto rispetto alle pratiche convenzionali. I risultati mostrano che il biologico supera di gran lunga il convenzionale nel riciclaggio dell'azoto. L'agricoltura convenzionale si basa molto sulla creazione di nuovo azoto reattivo: tra il 60 e il 100 percento degli input convenzionali provengono da nuove fonti di azoto. Le aziende agricole biologiche utilizzano principalmente l’azoto reattivo già esistente: tra l’80 e il 95% degli input biologici derivano da fonti di azoto riciclato. Lo studio ha rilevato che la produzione biologica rilascia il 64% in meno di nuovo azoto reattivo nell'ambiente rispetto alla produzione convenzionale.

"Poiché l'azoto è un elemento, non può essere creato o distrutto", ha affermato il dott. Tracy Misiewicz, direttore associato dei programmi scientifici dell’Organic Center. "Il numero totale di atomi di azoto sulla Terra rimane costante, quindi dobbiamo capire quale percentuale del totale è presente in una forma inquinante rispetto a una forma non inquinante. Questa ricerca dimostra che piuttosto che convertire l'azoto benefico in azoto inquinante, le pratiche di agricoltura biologica riciclano eccellentemente l'azoto reattivo invece di introdurre nuovo azoto reattivo nel nostro ambiente ".

Fonte: The Organic Center

Tecniche:

Parole chiave: