Gli alti e bassi del commercio biologico internazionale: quali le cause?, di Gerald A. Hermann (EN)

28/07/2020
Rassegna stampa

Gerald Hermann, uno dei pionieri del settore del biologico (è stato presidente di Naturland e di IFOAM, oggi è direttore di Organic Services, ed è conosciuto a livello mondiale come uno dei maggiori esperti di agri-industria bio) pubblica una riflessione sul comparto che è stato scosso da vari scandali a livello nazionale e internazionale. Quanto più grandi sono gli scandali, tanto più drammatiche sono le conseguenze per i paesi di origine, che determinano enormi cambiamenti nei flussi internazionali di merci, come indicano i dati sulle importazioni e sulle esportazioni.

Gli Stati Uniti hanno visto i maggiori cambiamenti per quanto riguarda l'origine delle loro importazioni biologiche, in particolare per mais, grano e soia, che vengono utilizzati principalmente per l'alimentazione degli animali. Mentre le importazioni di soia e mais dalla Turchia erano ancora alle stelle a oltre 200 milioni di dollari nel 2016, sono scese a zero nel 2019 dopo che erano venuti alla luce diversi scandali per frode. Nel corso delle indagini sulle frodi, organismi di certificazione come Control Union sono stati sospesi dalle autorità statunitensi e dell'UE e quasi il 75% delle produzioni biologiche precedentemente certificate nella regione del Mar Nero ha perso i propri certificati USDA.

Nonostante ciò, sul mercato c'era e ancora ovviamente c’è abbastanza carne biologica americana, gli animali che devono essere alimentati con grano, mais e soia biologici. Fortunatamente, paesi come la Russia e l'Ucraina hanno apparentemente una grossa quantità di mangimi per animali da agricoltura biologica disponibili per intervenire e colmare spontaneamente il divario. Come è possibile ciò, considerando che la conversione dal convenzionale al biologico richiede almeno 18 mesi?

Un altro sviluppo sorprendente può essere visto per i piselli gialli biologici che vengono utilizzati per prodotti vegetali, vegetariani e vegani: le importazioni statunitensi provengono principalmente dalla Russia e, molto recentemente, anche dalla Moldavia, uno dei 5 paesi (oltre a Cina, Russia, Ucraina e Kazakistan) per i quali l'UE ha già stabilito speciali linee-guida per ulteriori, più approfonditi controlli ufficiali. Queste linee guida speciali portano a un minor numero di importazioni da questi paesi? Non proprio: anche se i dubbi sull'onestà ovviamente permangono, circa un quarto di tutte le importazioni biologiche nell'UE nel 2019 proviene ancora dall'Ucraina e dalla Cina.

Per concludere: i più vasti mercati per i prodotti biologici, l'Unione Europea e gli Stati Uniti, importano soprattutto da paesi con forti dubbi sull'integrità e se i dubbi su un paese diventano troppo preoccupanti, altri paesi interverranno più rapidamente di quanto si possa pronunciare la parola “certificazione biologica”.

Fonte: Organic-market.info

Economia: